Notàri

Cerasuolo d’Abruzzo DOC

Per continuare a stupirci ci vuole la forza di un’idea e una dose di coraggio.
Guardare con occhi sempre nuovi i nostri vitigni è una sfida costante che ci porta spesso a sperimentare per ricercare la novità; siamo da tempo affascinati dall’avventura e dalla scoperta e non temiamo di percorrere terreni poco battuti.
Il Notàri Cerasuolo d’Abruzzo DOC nasce proprio con questo spirito, dalla necessità di volgere lo sguardo verso un’angolazione differente.
Prodotto per la prima volta con la vendemmia 2020 è il frutto del nostro desiderio di scoprire un nuovo lato delle uve Montepulciano e produrre un vino che rispetti la tipicità del Cerasuolo ma che al contempo risulti più complesso, strutturato, intenso.
Siamo molto orgogliosi del risultato ottenuto e di questa nuova bottiglia che entra a far parte della linea Fattoria Nicodemi, un vino di grande eleganza e struttura che sicuramente potrà riservare grandi soddisfazioni nel tempo grazie alle sue capacità di invecchiamento.

Tipo: Rosa
Denominazione: Cerasuolo d’Abruzzo DOC
Area: Abruzzo-Teramo

CARATTERISTICHE DEL VIGNETO

Altitudine: 250-300 m slm
Esposizione: Est
Natura del suolo: Calcareo argilloso di medio impasto
Sistema di allevamento: Pergola abruzzese
Densità: 1.200 piante/ettaro
Età del vigneto: > 45 anni
Rendimento medio: 60 q.li/ettaro
Vendemmia: Fine settembre, metà ottobre
Vinificazione: Si effettuano due passaggi vendemmiali sullo stesso appezzamento. Il primo, verso la fine di settembre, raccogliendo la zona bassa per avere uve con maggiore acidità e note più fresche e aromatiche. A metà ottobre si raccoglie la parte più alta del vigneto dove le uve hanno raggiunto un grado di maturazione maggiore, sono più ricche di colore e struttura. Per ogni raccolta, le uve seguono due percorsi diversi di macerazione. Per le uve provenienti dalla zona più alta eseguiamo il salasso, ovvero le uve, solo in parte diraspate e pigiate, iniziano a fermentare. Dopo 24 ore, il mosto fiore viene travasato e posto a parte dove continuerà a fermentare in bianco. Questo consente una buona estrazione del caratteristico colore, della struttura e delle sensazioni speziate e tostate conferite da una piccola percentuale di raspi ben maturi presenti ad inizio macerazione. Per le uve raccolte nella zona più bassa, dalla quale cerchiamo l’acidità e frutto, effettuiamo una breve macerazione delle uve a freddo per poi pressarle e fermentarle in bianco. Entrambe le fermentazioni sono condotte con lieviti indigeni. Al termine della fermentazione le due partite di vino vengono riunite.
Affinamento: 4 mesi in vasche di acciaio in agitazione periodica sulle proprie fecce fini.
Affinamento in bottiglia: 2 mesi
Produzione: n°2.500 bottiglie da 750 ml
Note organolettiche: Rosa ciliegia brillante. al naso il frutto è pieno ed elegante; note di ciliegia, melograno, lampone impreziosito da sentori speziati e balsamici. al gusto è intenso, ricorrono i frutti rossi e le note mentolate a ricordo delle uve salassate con una piccola percentuale di raspi ben maturi. Ottima la componete acida, lunga la persistenza gustativa con una vena sapida in perfetto equilibrio con la morbidezza.
Abbinamenti: Salumi, piatti vegetariani e zuppe di legumi, carni bianche carni alla griglia e formaggi di media stagionatura.
Temperatura di servizio: 12°-14°C

0